Pagine Calabresi




Detti Calabresi

 

""Cu mali capisci, peggiu rispundi."" - Chi male capisce, peggio risponde.

""Megghiu to mamma mi ti ciangi ca u suli i marzu mi ti tingi."" - Meglio essere "pianti" dalla madre piuttosto che abbronzarsi con il sole di marzo.

""U sceccu chi mangia ficari si leva u viziu quandu mori."" - L'asino che mangia le piante di fico si toglie il vizio quando muore.

""U monicu chi fui sapi i cazzi soi."" - Il monaco/prete che scappa sa i fatti suoi.

""Cu prima non pensa, all’urtimo suspira."" - Chi non pensa per tempo, in ultimo sospira.

""Cu intra ti menti, fora ti caccia."" -

""U porcu a muntagna e a caddara bugghi."" - Il maiale ancora in montagna e l'acqua gi bolle.

""A convinzioni na brutta malatia."" - La convinzione una brutta malattia.

""Barca storta e viaggiu dirittu."" -

""Cu faci zappi, faci zappuddi."" -

""Petru tira e Maria ‘mbutta."" -

""Cu dui lepri voli ma ‘cchiappa, una ‘nci fui e l’autra ‘nci scappa."" -

""Ogni fichitu i musca sustanza."" -

""Cu pecura si faci, lupu sa mangia."" -

""U mundu i chinu i pantaloni, ma sunnu pochi l’omini chi i portunu."" -

""Viziu e natura dura finu a sipultura."" - Il vizio e la natura dura sino alla sepoltura.

""Lavari a capa all’asinu i tempu persu, dopu du minuti s’intruscia."" -

""Maru all’omu chi la fimmina criri, a fimmina quando ciangi tandu riri, rici chi rrivau a lu so ‘ntentu."" -

 

Altri detti calabresi inviati da Giuseppe Briganti (da bambino ha frequentato Melia e dal 1968 vive in Canada):

""Cchiu` ndi fai, cchiu` ndi trovi."" - Pi ne fai, pi ne trovi.

""Cui  a ntri` e cu chicchirichi`."" - Chi fa per tre, e chi chicchirich.

""A Ddiu u so rregnu, a Cesiri u so cuvernu."" - A Dio il suo Regno, a Cesare il suo governo.

""Cu cunta chiacchiri, rricivi paroli."" - Chi racconta frottole, riceve parole.

""Pinna i Poeta, ogni versu e` di Profeta."" - Penna di Poeta, ogni verso da Profeta.

""Cantu r’aceddhu, u tempu e` cchiu` bbeddhu."" - Canto d’uccello, il tempo pi bello.

""O matinu, non pir tutti spunta u suli."" - Al mattino, non per tutti spunta il sole.

""Zzita pi na vita, maritata, pi na ijurnata."" - Fidanzata per una vita, sposata, per una giornata.

""Cu mmuccia i soi, voli i toi."" - Chi nasconde i suoi, vuole i tuoi.

""A dottu a dottu, u cchiu` dottu e` u cori."" - Da dotto a dotto, il pi dotto il cuore.

""A mala rrazza, sa n’acciri t’ammazza."" - La mala razza, se non la uccidi, ti ammazza.

""Amuri!.. amuri, cantu peni chi mi runi."" - Amore!... amore, quanto pene che mi dai.

""T’amu e t’ogghiu."" - T`amo e ti voglio.

""Tra Scilla e Cariddi, senti u cantu ri cardiddhi."" - Tra Scilla e Cariddi, senti il canto degli uccelli.

""Cu mangia ciuccia, cu fila e` asciutta.  “ filari u fusu “. "" - Chi mangia ciuccia, chi fila s’asciuga.

""Nchian’a mulia chi trovi l’aria pia."" - Sali a melia che trovi l’aria pia.

""Sa vai a pannatu, t’arrufrischi u sciato."" - Se vai a pannato ti rinfreschi il fiato.

""L’acqqua i Paulu Rre, megghiu r’iddha no nci nde."" - L’acqua di Paolo Re, pi amabile non ce ne.

""Bbarba vecchia fa bbona farina."" - Barba vecchia fa buona farina. “ si dice di saggezza”.

""Centu campani, no bbacendunu a una."" - Cento campane. Non fanno per una. “ ne basta una a richiamare la gente’’.